Metodo Soleras

Il blog del Consorzio Arca
0 comments

Un successo a stelle e strisce per la Loren Medical Devices

loren_medical

Si chiama Ago Cannula Modificato. Si tratta un dispositivo che, mantenendo invariata la portata delle cannule attualmente in commercio, ne riduce in maniera tangibile il diametro, consentendo al contempo l’alleviamento del dolore causato al paziente e la riduzione delle difficoltà nel reperimento di un accesso venoso da parte dell’operatore sanitario. L’idea è venuta ad un giovane palermitano, Riccardo De Stefano, con una doppia laurea in farmacia ed infermieristica, che ha fondato la Loren Medical Devices. E che sia un’idea veramente vincente lo dimostra il fatto che se ne sono accorti anche in Texas, in una delle capitali dell’innovazione e della tecnologia.
Qui ad Arca gli abbiamo visto muovere i suoi primi passi. Gli abbiamo visto vincere il secondo premio di Start Cup Palermo 2014 e ancora ottenere il secondo posto al Premio Nazionale per l’Innovazione. L’abbiamo seguita durante questo anno in cui è maturata attraverso successi e difficoltà. Quindi è arrivata la Menzione Speciale ad Unicredit Start Lab.

Poi la partenza per gli Stati Uniti, destinazione Austin, Texas, per l’International Accelerator, a competere con altre 13 startup provenienti da tutto il mondo. Abbiamo incrociato le dita, ed è andata bene. La Loren Medical Devices ha vinto! Insieme ad altre 2 startup parteciperà al prestigioso programma di accelerazione, oltre ad essersi assicurata un ricco premio in denaro. Austin, sede dell’acceleratore, è nota con il nomignolo di ‘Silicon Hills’ e compete con la Silicon Valley per capacità di produzione e sviluppo di nuove startup. in passato è stato teatro del lancio di startup diventate poi fenomeni globali come accadde per esempio con Twitter nel 2007.
La Loren è stata scelta tra centinaia di startup provenienti da tutto il mondo, è stata l’unica rappresentante italiana e ha concorso con altri 13 progetti provenienti da Australia, Israele, Brasile, Messico e altri paesi.

Se non sono soddisfazioni queste!

Leave A Comment

You must be logged in to post a comment.